Piadiniamo la Romagna come una volta

Vnerdì 19, sabato 20, e domenica 21 luglio, a Savignano sul Rubicone, è andata in scena l’ottava edizione di “Piadiniamo, la Romagna com’era una volta”: percorso degustazione con i migliori 10 chioschi del territorio, spettacoli, dimostrazioni, vecchi mestieri, fattorie a cielo aperto, giochi di una volta, mercatino delle arti manuali. Presente anche la “Balera di una volta”, la quale ha regalato a tutti i visitatori la possibilità di cimentarsi nel tradizionale ballo del “liscio” con le migliori orchestre del territorio. Un salto indietro nel passato in cui si è respirato . l’autentica atmosfera della Romagna di un tempo.
Per le principali vie del centro la piadina è stata la protagonista indiscussa di un percorso di degustazione con i migliori 10 chioschi della Romagna (da Cesenatico a Rimini che hanno proposto ognuna tre differenti farciture: classica, speciale e dolce.
“Piadiniamo”
non è soltanto sinonimo di tradizione, ma strizza l’occhio alla creatività: oltre la tipica piada al crudo-squacquerone o salsiccia-cipolla, i più coraggiosi hanno assaggiato quella con melanzane marinate, hummus e battuto di feta, o alle pere e yogurt greco. Imperdibile la farcitura mascarpone, fragole e nutella o il Tiramisù con piadina e caffè d’orzo.
Non sono mancate, infine, le attività per i più piccini: è stato allestito uno spazio di 300 metri quadrati dove i più piccoli si sono divertiti con i giochi di una volta, scoprendo gli animali della fattoria e imparando a fare la piada, definita da Giovanni Pascoli come “Il pane della Romagna”.